domenica 18 settembre 2016

Mycena haematopus

Rocca di Papa; settembre 2016; foto di EnzoF

Sinonimi:  
Agaricus haematopus         

Cresce cespitoso nei boschi dei Castelli Romani su legno marcescente di latifoglie, dall'autunno all'inverno.
Una delle tante "famigliole" che popolano i boschi dei Castelli in autunno. Di piccole dimensioni e generalmente a crescita cespitosa. 
Mycena haematopus deriva dal greco e significa con il piede sanguinante per via del liquido che fuoriesce alla frattura.


Questa specie mostra un notevole dimorfismo cromatico in funzione del grado di umidità ambientale e del supporto legnoso che lo ospita: in condizione di bassa umidità, gli esemplari tendono ad assumere colorazioni chiare, rosato-crema, mentre in condizioni di elevata umidità gli stessi esemplari assumono colorazioni porpora-vinose. Basta ferire leggermente il gambo con la punta di un coltellino o di una pinzetta per vedere questo fungo emettere una goccia di liquido rassomigliante al sangue, sia per la densità che per il colore. ( Da Funghiitaliani)
Appartiene alla Sezione Lactipedes, formata da  specie che secernono latice dal gambo.
Current Name:
Mycena haematopus (Pers.) P. Kumm.

Position in classification:
Mycenaceae, Agaricales, Agaricomycetidae, Agaricomycetes, Basidiomycota, Fungi

EnzoF


                                                                                                         

Nessun commento:

Posta un commento